Primi risultati del Problem Solving Collaborativo in PISA 2015

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Giorgio Asquini

Abstract





I risultati dell’indagine OCSE-PISA 2015 per il Problem Solving Collaborativo sono stati


recentemente presentati dall’Invalsi. Il quadro di riferimento utilizzato nell’indagine 2015 riprende il quadro dei processi cognitivi già definito per PISA 2012, integrandolo con le competenze e le abilità specifiche necessarie in un contesto collaborativo. Il risultato degli studenti italiani (478 punti) è significativamente sotto la media OCSE (500), a differenza di quanto successo nel 2012, dove il Problem Solving è stato il miglior risultato italiano di sempre in PISA. La componente collaborativa ha rappresentato il vero punto debole dei nostri studenti. Vengono inoltre discussi altri risultati salienti, quali: le differenze di genere, con un netto vantaggio delle ragazze sui ragazzi; le differenze interne al sistema di istruzione, dove vengono confermate le differenze territoriali Nord-Sud e per indirizzo di istruzione; le percezioni degli studenti circa i rapporti con compagni, insegnanti e genitori. Infine vengono discusse le necessarie ricadute dei risultati e delle metodologie di indagine PISA sul dibattito nazionale dell’istruzione e sulla formazione professionale degli insegnanti.





##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Recensioni, note, altro