Formazione permanente e professione educativa: alcune sfide aperte

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Matilde Pozzo

Abstract

Questo contributo intende avanzare delle preliminari riflessioni su alcune peculiari sfide che la formazione permanente si trova ad affrontare in relazione all'ambito specifico dell'educare professionale. La formazione permanente risulta elemento essenziale della professione educativa, portata a confrontarsi con i rapidi mutamenti dei contesti sociali e territoriali, a essere in dialogo costante con i mutevoli bisogni individuali e con l'emergere di nuove domande sociali. Ma ulteriori domande si aprono nel momento in cui si incrocia la riflessione sul senso, le forme, i contenuti della formazione permanente per gli educatori e le educatrici impegnati nella sfida educativa oggi, all'analisi dell'attuale scenario lavorativo di questi, segnato dalla crisi economica e sociale, dallo smantellamento del welfare, dalla privatizzazione dei servizi, dalla contrazione della spesa pubblica e dalla diffusa precarietà dei professionisti educativi.

 

This paper deals with some issues that concern lifelong learning in the specific field of educa- tional work. Lifelong learning is an essential commitment of the educational work, because of its deep connection with sudden social and territorial transformations and because of its dialogue with variable individual needs and new social problems. Some important questions about lifelong learning of professional educa- tors concern its meanings, its aims, its subjects, in order to train professionals able to take on the challenge of education in the contemporary age. But further questions take shape consider- ing the current context of professional educa- tors, characterized by the economical and so- cial crisis, the crisis of welfare state, the privati- zation of social services, the decrease of public funding and the widespread precariousness of those working in the filed of education. 


##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Contributi teorici
##submission.authorBiography##

##submission.authorWithAffiliation##

Pedagogista, collaboratrice dell'insegnamento di Pedagogia Sociale (prof. Sergio Tramma) e cultrice della materia in Pedagogia Generale I (prof. Sergio Tramma e dott.ssa Francesca Oggionni) presso il corso di laurea di Scienze dell'Educazione, Università degli studi di Milano-Bicocca, Dipartimento di Scienze Umane per la Formazione “Riccardo Massa”.

Riferimenti bibliografici

Beck, U. (2008). Costruire la propria vita. Quanto costa la realizzazione di sé nella società del rischio. Bologna: il Mulino.

Bertolini, P. (1988). L’esistere pedagogico. Ragioni e limiti di una pedagogia come scienza fenomenologicamente fondata. Firenze: La Nuova Italia, 1988.

Chicchi, F., Leonardi, E. (2011). Lavoro in frantumi. Condizione precaria, nuovi conflitti e regime neoliberista. Verona: Ombre Corte.

Chicchi, F., Giorgetti Fumel, M. (cur.) (2012). Il tempo della precarietà. Sofferenza soggettiva e disagio della postmodernità. Milano: Mimesis.

Corbisiero, F., Scialdone, A., & Tursilli, A. (2009). Lavoro flessibile e forme contrattuali non standard nel Terzo settore. Milano: FrancoAngeli.

Fullin, G. (2004). Vivere l'instabilità del lavoro. Bologna: il Mulino.

Fullin, G., Magatti, M. (2002). Percorsi di lavoro flessibile. Un'indagine su lavoratori
interinali e collaboratori coordinati e continuativi in Lombardia. Roma: Carocci.

Gallino, L. (2001). Il costo umano della flessibilità. Roma-Bari: Laterza.

Gallino, L. (2007). Il lavoro non è una merce. Contro la flessibilità. Roma-Bari: Laterza.

Kanisza, S., Tramma S. (cur.). (2011). Introduzione alla pedagogia e al lavoro educativo. Roma: Carocci.

Murgia, A. (2010). Dalla precarietà lavorativa alla precarietà sociale. Biografie in transito tra lavoro e non lavoro. Bologna: I libri di Emil.

Oggionni, F. (2014). Il profilo dell'educatore. Formazione e ambiti di intervento. Roma: Carocci.

Oggionni, F. (2016), (Ri)formare la professionalità educativa. Annali online della Didattica e della Formazione Docente, vol. 8, n.11, pp. 55-68. Disponibile da http://annali.unife.it/index.php/adfd/article/view/1159/960

Pamieri, C. (cur.) (2012). Crisi sociale e disagio educativo. Spunti di ricerca pedagogica. Milano: FrancoAngeli.

Ranci Ortigosa, E. (2001). Prefazione in Ferrario, P. Politica dei servizi sociali. Strutture, trasformazioni, legislazione. Roma: Carocci.

Revelli, M. (2001). Oltre il Novecento. La politica, le ideologie e le insidie del lavoro. Milano: Einaudi.

Scandurra, S. (dicembre 2014). Presentazione, in Atti del Convegno di studi organizzato dal Gruppo Nazionale SIPED “Professioni educative e formative” dal titolo Pedagogisti ed Educatori tra formazione e lavoro. Riflessioni, proposte e confronti a più voci. Disponibile da http://www.metis.progedit.com/gruppo-siped-professioni-educative-e-formative.html.

Sennett, R. (1999). L'uomo flessibile. Le conseguenze del nuovo capitalismo sulla vita personale. Milano: Feltrinelli.

Tramma, S. (2008). L'educatore imperfetto. Senso e complessità del lavoro educativo. Roma: Carocci.

Tramma, S. (2009). Pedagogia della comunità. Criticità e prospettive educative. Milano: FrancoAngeli.

Tramma, S. (2010). Pedagogia sociale. Milano: Guerini.

Trevisanello, F. (2012). Il formatore irritabile. Milano: Guerini.