Training education professionals to build communities through art, cinema and digital technologies for preventing anti-social behaviour in youngsters

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Raffaella Biagioli
Maria Grazia Prioli

Abstract

Il presente contributo mira a focalizzare l’attenzione sull’importanza di una formazione lungo l’arco della vita per i professionisti dell’educazione in Italia, con particolare riferimento agli insegnanti della scuola secondaria, agli educatori, ai formatori e a tutti colori che lavorano con i giovani. A tal fine, sono presentate due esperienze progettuali internazionali, “CommUnity” e “DIVE IN”, condotte dall’Università di Firenze nell’ambito di partenariati europei. Tali contesti di ricerca hanno promosso la formazione dei professionisti dell’educazione tramite l’intreccio di metodologie basate sull’arte e sulla creatività unite alla strategia blended learning, e alla presentazione di casi di studio, e hanno consentito di attuare percorsi di approfondimento sul tema della prevenzione dei comportamenti antisociali dei giovani in Europa sia per gli studenti universitari, futuri educatori, sia per gli insegnanti in servizio.

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
Buone pratiche ed esperienze
Biografia autore

Raffaella Biagioli, Università degli Studi di Firenze

Professoressa Associata Pedagogia generale e sociale