Il diritto alla lettura dei bambini con Bisogni Educativi Speciali: l’esperienza italiana degli IN-book .

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Moira Sannipoli Maria Filomia

Abstract

Il saggio propone una riflessione sull’importanza della lettura condivisa in famiglia nei primi anni di vita viste le evidenze riportate dalla letteratura sugli importanti benefici sul piano cognitivo, linguistico, emotivo e relazionale. Anche i bambini con Bisogni Educativi Speciali potrebbero avere importanti vantaggi dall’essere esposti molto precocemente alla lettura ad alta voce; invece sono quelli a cui si legge meno e più tardi. Tra i motivi di questo ritardo è possibile individuare la corsa ad interventi riabilitativi che tendono a sottovalutare la significatività di alcune pratiche educative “normali” e l’idea che il libro in sé possa essere un oggetto non accessibile. Gli IN-book, libri illustrati con testo integralmente scritto in simboli e frutto di un’esperienza italiana di Comunicazione Aumentata Alternativa, sono nati per consentire il diritto alla lettura anche a bambini con disturbi della comunicazione complessi ma al tempo stesso sono diventati un’importante occasione di inclusione educativa. 

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

##submission.howToCite##
SANNIPOLI, Moira; FILOMIA, Maria. Il diritto alla lettura dei bambini con Bisogni Educativi Speciali: l’esperienza italiana degli IN-book .. Lifelong Lifewide Learning, [S.l.], v. 13, n. 29, p. 78-90, lug. 2017. ISSN 2279-9001. Disponibile all'indirizzo: <http://www.edaforum.it/ojs/index.php/LLL/article/view/66>. Data di accesso: 23 set. 2017 doi: https://doi.org/10.19241/lll.v13i29.66.
Parole chiave
lettura condivisa; BES; IN-book; speciale normalità
Sezione
Buone pratiche ed esperienze

Riferimenti bibliografici

Ascenzi, A. (Eds)(2003). La letteratura per l’infanzia oggi. Milano: Vita e Pensiero.
ASHA (2005). Roles and responsabilities of speech-language pathologists with respect to augmentative and
alternative communication: Position statement. doi:10.1044//policy.PS2005-00113.
Battro, A.M, Fischer, K.W. Léna, J.P. (2008). The educated brain: Essays in neuroeducation. Cambridge:
Cambridge University Press and Pontifical Academy of Sciences.
Baumann Leech, E.R,. & Creech, C.J. (2011). Indirect facilitation of speech in a late talking child by prompted production of production of picture symbols or signs. Aumentative and Alternative Communication, 27, 40-52.
Benavides Varela, S., Hochmann, J.R., Macagno, F., Nespor, M., Mehler, L. (2012). Newborn’s brain activity signals the origin of word memories. Proceedings of the National Academy of Sciences, 109 (44), 17908-17913.
Bertamini, D., Iacchia, E., Rinaldi, S., Rezzonico, G., (Eds) (2009). Gioco, socialità e attaccamento nell’esperienza infantile. Milano: Franco Angeli.
Beukelman, D.R., Mirenda, P. (2014). Manuale di comunicazione aumentativa e alternativa. Interventi per bambini e adulti con complessi bisogni comunicativi. Trento: Erickson.
Blockberger, S. & Sutton, A. (2003). Toward linguistic competence: Language experiences and knowledge of children with extremely limited speech. In Light J.C. Beukelman D.R., Reichle J. (Eds), Communicative competence for individual who use AAC: From research to effective practice. Baltimore: Paul H.Booked Publishing Co., 63-106.
Bowlby, J.(1989). Una base sicura. Applicazioni cliniche della teoria dell'attaccamento. Milano: Raffaello Cortina.
Braddock, B., et al. (2012). Communication ability in person with trisomy 18 and trisomy 13. Aumentative and Alternative Communication, 28, 266-267.
Bronfenbrenner, U. (2002). Ecologia dello sviluppo. Bologna: Il Mulino.
Costantino, M.A. (2011). Costruire libri e storie con la CAA. Gli IN-book per l'intervento precoce e
l'inclusione. Trento: Erickson.
Costantino, M. A., et al. (2006). Dal “libro su misura” alla biblioteca di tutti. Quaderni Acp, 5, 199-201.
CSCA (2016). Elementi di riferimento per la traduzione in simboli – aspetti morfologici. Disponibile da http://sovrazonalecaa.org/risorse/elrif/morfo1/wls/elementi%20di%20riferimento%20per%20la %20traduzione%20degli%20aspetti%20morfologici%20-%20morfo1.pdf
Feinstein, L. (2003). Inequality in the early cognitive development of British children in the 1970 cohort. Economica, 70, 3-97.
Hines, M. & Brooks, G. (2005). Sheffield Babies Love Books: An Evaluation of the Sheffield Bookstart Project. University of Sheffield.
Hutton, J.S., Horowitz-Kraus, T., Mendelsohn, A.L., DeWitt, T., Holland, S.K. (2015). Home reading environment and brain activation in preschool children listening to stories. Pediatrics, 136(3), 466-478.
Ianes, D. (2007). La speciale normalità. Trento: Erickson.
Maffei, L.(2015). Elogio della lentezza. Bologna: Il Mulino.
OMS (2002). ICF. Classificazione Internazionale del funzionamento, della disabilità e della salute. Trento:
Erickson.
Romski, M. & Sevick, R.A. (2005). Aumentative communication and early intervention: myths and
realities. Infants and young children, 18(3), 174-185.
Sai, F.Z. (2012). The role of the mother’s voice in developing mother’s face preference: evidence for
intermodal perception at birth. Disponibile da www.interscience.wiley.com
Sannipoli, M. (2015). Diversità e differenze nella prospettiva coevolutiva. Milano: Franco Angeli.
Shonkoff, J. (2007). The Science of Child Development. Harvard University: Mass.
Tierney, A.L. & Nelson C.A. (2009). Brain development and the role of experience in the early years. Zero to Three, 30(2), 9-13.
Valentino Merletti, R. (2012). Leggere ad alta voce. Milano: Mondadori.
Wade, B & Moore, M. (2000). A Sure Start with Books. Early Years, 20. Spring, 39-46.
Zen GEA (2014). Prospects for the new millennium. The Reading Lecture, New York: Cornell University.