Un percorso di potenziamento delle abilità inferenziali nella scuola primaria: primi risultati

##plugins.themes.bootstrap3.article.main##

Rosa Vegliante
Sergio Miranda

Abstract

Leggere un testo richiede continui processi di rielaborazione delle informazioni, di produzione di inferenze e di strategie metacognitive. Porre al centro del percorso formativo la comprensione del testo significa puntare su una serie di competenze di carattere trasversale, in grado di garantire allo studente la possibilità di conseguire la piena autonomia in un contesto sociale, sempre più complesso e sfidante. Migliorare la reading comprehension significa anche contrastare la dispersione e ridurre l’insuccesso scolastico. Il buon esito della comprensione dipende principalmente dalla capacità di integrare le informazioni testuali e, in tale operazione, le inferenze svolgono un ruolo determinante. Lungo questa direttrice di azione si colloca il presente contributo che analizza l’implementazione del programma didattico, Abilità Inferenziali 2020, nato sulla scia del programma nazionale Reciprocal Teaching-Reading Comprehension, messo a punto dalla società SApIE. Nel caso specifico l’itinerario progettuale prevede la realizzazione di un percorso di potenziamento delle abilità inferenziali mediante l’utilizzo di situazioni-problema da risolvere in coppia. La ricerca quasi-sperimentale, con classi di controllo e classi sperimentali, ha coinvolto 250 alunni frequentanti la quinta classe di scuola primaria, sottoposti alle medesime prove in ingresso e in uscita. I risultati ottenuti confermano l’efficacia del training di stimolazione con valori di effect size traducibili in un vantaggio temporale che va dai 2 mesi ai 7 mesi di avanzamento nelle abilità testate.


Parole chiave: comprensione del testo, percorso di potenziamento, abilità inferenziali, ricerca quasi-sperimentale, dimensione dell’effetto.

##plugins.themes.bootstrap3.article.details##

Sezione
CALL 39 – Le competenze di ricerca nelle professionalità educative e formative,